Header

Lavori a cala Portecchia, Mola di Bari: sara’ una spiaggia urbana grazie al recupero della Posidonia spiaggiata

21 giugno 2013 | Scritto da admin in Rassegna stampa - (Commenti disabilitati su Lavori a cala Portecchia, Mola di Bari: sara’ una spiaggia urbana grazie al recupero della Posidonia spiaggiata)

Gazzetta del Mezzogiorno –  21 giugno 2013

Leggi l’articolo

La posidonia spiaggiata una minaccia per l’estate – aperte le iscrizioni al corso di formazione PRIME

16 aprile 2013 | Scritto da admin in Rassegna stampa - (Commenti disabilitati su La posidonia spiaggiata una minaccia per l’estate – aperte le iscrizioni al corso di formazione PRIME)

Nessuno farebbe un bagno su una costa invasa dalla posidonia.

Un’erba importantissima per l’equilibrio dei fondali sottocosta ma che perde le foglie alla stessa maniera delle piante di superficie. Questa sua caratteristica ha fatto emergere un nuovo problema per gli stabilimenti balneari.

La soluzione proposta ha consentito di recuperare dall’esperienza passata una buona pratica agronomica: usarla come fertilizzante. E’ da questo che ha preso le mosse il progetto Prime finanziato dall’Unione Europea nell’ambito della progettazione Life e che ha visto coinvolti cinque partner, Ispa CNR, Eco-logica, Tecoma, Aseco, con il comune di Mola di Bari in qualità di coordinatore beneficiario.

Circa un milione di euro, finanziato al 50% dall’Unione Europea, destinato a progettare e realizzare il miglior riuso possibile degli enormi ammassi che creano problemi agli stabilimenti balneari ed ai comuni turistici non solo della Puglia ma di almeno altre 4 regioni italiane tra cui Sicilia, Sardegna, Calabria e Toscana.

L’ultima fase di questa sperimentazione che va avanti da due anni è l’avvio di un corso di formazione sulla gestione della posidonia spiaggiata e sui processi di recupero e riutilizzo in agricoltura. Il corso partirà il 22 Aprile e sarà strutturato in 15 eventi, tra cui lezioni in aula, lezioni on line, visite guidate e sperimentazioni in campo, e terminerà il 14 giugno con il convegno di conclusione.

La frequenza darà a una pluralità di soggetti interessati la qualifica di “tecnico per la gestione sostenibile della posidonia spiaggiata” con l’iscrizione in un elenco apposito.

Leggi tutto l’articolo

Il compost a base di posidonia in sostituzione della torba?

23 gennaio 2013 | Scritto da admin in News | Rassegna stampa - (Commenti disabilitati su Il compost a base di posidonia in sostituzione della torba?)

Da alcuni anni i ricercatori baresi sono impegnati nel recupero della posidonia spiaggiata e nel conseguente impiego del compost ottenuto.

Due recenti articoli pubblicati su riviste internazionali dimostrano che il compost a base di residui spiaggiati di posidonia può sostituire in parte la torba come substrato di coltivazione per la produzione in vivaio di piantine da destinare al trapianto.

sperimentazioni con compost a base di posidonia

I due articoli portano la firma di ricercatori dell’Università e del CNR di Bari, afferenti al gruppo dell’azienda sperimentale “La Noria”. Le attività di ricerca rientrano nel progetto LIFE + 2009 ENV/IT/000061 “Posidonia Residues Integrated Management for Eco-sustainability” (PRIME) cofinanziato dalla Commissione Europea.

La posidonia (Posidonia oceanica (L.) Del.) è una fanerogama marina endemica del Mediterraneo che svolge importanti funzioni ecologiche. La pianta perde ciclicamente le foglie più vecchie, che si accumulano lungo le coste in quantità ingenti.
La presenza dei residui è percepita spesso come un disagio dai fruitori delle spiagge, per cui i comuni costieri o i singoli gestori di impianti balneari provvedono alla rimozione periodica del materiale spiaggiato sopportando notevoli costi per lo smaltimento in discarica.

 

Bari chiama Malaga: “Parliamo di posidonia” Approda in Spagna il progetto di riutilizzo della posidonia elaborato dalla azienda barese Eco-Logica

15 maggio 2012 | Scritto da admin in Rassegna stampa - (Commenti disabilitati su Bari chiama Malaga: “Parliamo di posidonia” Approda in Spagna il progetto di riutilizzo della posidonia elaborato dalla azienda barese Eco-Logica)

Il prossimo 17 maggio un pezzo della ricerca made in Bari avrà il meritato riconoscimento internazionale e l’occasione è data dal convegno “Praterie marine nel litorale spagnolo: conservazione, uso e gestione”. organizzato a Malaga dal locale Istituto di Studi Portuali. Si parlerà di P.R.I.M.E. (l’acronimo sta per Residues Integrated Management for Eco-sustainability, cioè “gestione integrata dei residui di posidonia per l’ecosostenibilità”) , il progetto pilota “life” finanziato dall’UE ma nato a Bari e talmente interessante da essere utilizzato come base per una recente legge che sancisce la possibilità di recupero della posidonia come fertilizzante. A parlare sarà L’ing. Antonella Lomoro di , società di ingegneria e consulenza ambientale con sede a Bari.

leggi tutto l’articolo

 
Comune di Mola di Bari ECO-logica s.r.l. CNR ISPA ASECO TECOMA